Welfare Italia :: Dall'Europa :: LA ‘ROPTURE’ DI SARKOZY di A.V.Gelormini Invia ad un amico Statistiche FAQ
21 Gennaio 2021 Gio                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links
Telefono Blu
Aiuto bambini
Sinistra Giovanile
Sinistra Ecologista







LA ‘ROPTURE’ DI SARKOZY di A.V.Gelormini
19.05.2007

LA ‘ROPTURE’ DI SARKOZY

di Antonio V. Gelormini

Sono gli uomini a far grande un Paese. Da questo punto di vista la Francia, nel corso dei secoli, ne ha avuti tanti. Ognuno di loro ha inciso profondamente nella storia nazionale, ma ha influenzato con forza anche le vicende dell’intero continente europeo, nonché quelle più allargate del più grande contesto internazionale. Nicolas Sarkozy, neo Presidente della Repubblica francese, si candida ad entrare in questo Pantheon della storia transalpina, consapevole delle prove che sarà chiamato ad affrontare e della responsabilità ereditata dai suoi illustri predecessori.

Da par suo, ha cominciato subito a muoversi con rapidità ed efficienza. Si è prefisso di svecchiare la Francia, quindi, con meno formalismi e più concretezza ha già dato il via al suo programma di “rottura”. Europa, Alleanza atlantica, protocollo di Kyoto, Unione del Mediterraneo, mai tanta politica estera era stata al centro del primo discorso di un presidente sulla soglia dell’Eliseo.

La sarkomania è già partita. Le destre (ma anche a sinistra) lo osannano come un modello da seguire. Un po’ dovunque, anche da noi, ci si affanna ad individuare, tra i politici locali, il Sarkozy nazionale. Ma almeno in Italia, checché ne dicano i diversi sponsor di turno, l’impresa si rivela piuttosto ardua e alquanto improbabile.

Ve lo immaginate, da noi, un leader della destra, per quanto moderna possa definirsi, che prima ancora della proclamazione ufficiale dei risultati definitivi, invita al rispetto per l’avversario sconfitto e per quella parte del Paese che non ha ritenuto di votare per il vincitore?

D’altra parte, mentre il nostro centrosinistra è ancora sconvolto dal capolavoro capace di travolgere e dissipare, in un grande e imbarazzante pasticcio, il rapporto con Gino Strada e la sua Emergency, Nicolas Sarkozy, quello vero, nel rispetto anche di quella parte del Paese e coerente col suo disegno di “rottura”, nomina il socialista Bernard Kouchner, fondatore di “Medici senza frontiere”, nientemeno che ministro degli Esteri. La nomina dell’uomo più popolare del Paese diventa, così, la tangibile testimonianza di un’idea nuova della Francia.

Se non bastasse, il giorno stesso della sua incoronazione e prima di partire per la prima visita ufficiale in Germania, celebra la Resistenza. Sì, proprio la Resistenza. Si commuove alla lettura dell’ultima lettera di un ragazzo di 17 anni comunista, prima di essere ucciso dai nazisti, e auspica che quella lettera venga letta ogni anno in tutti i licei della Francia.

 Niente male per un leader della destra. Sono i primi segni di un uomo che, nella più alta tradizione francese, ha deciso di lasciare il segno. La chiama “rottura”, ma è pur sempre una rivoluzione. Nel senso più classico del termine. Perché a sognare, oggi, sono in tanti e non più il solo Nicolas Sarkozy.

(gelormini@katamail.com)          

 


Terza pagina
20.04.2010
Crisi del sistema Federale Europeo: convegno
13.12.2009
SPAGNA - Modifiche alla Costituzione: auspicate dagli spagnoli
8.11.2009
A 20 anni dalla caduta dei regimi in Europa centrale e orientale
2.12.2007
Note sul Partito Comunista della Federazione Russa
7.11.2007
Chi si è accorto che siamo in Europa?
19.05.2007
LA ‘ROPTURE’ DI SARKOZY di A.V.Gelormini
28.10.2006
Lifelong learning
27.07.2006
L'Europa vuole più test sugli animali
10.09.2005
Belgio: rimborso alle famiglie per il caro greggio
30.05.2005
Le parole delle relazioni internazionali

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicità | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti