Welfare Italia :: Radio Londra :: 63 anni dall'assedio di Stalingrado di Ugo Montecchi Invia ad un amico Statistiche FAQ
21 Gennaio 2021 Gio                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links
Emigrazione Notizie
Club Volo Libero Bergamo
Legambiente della Valsusa
Lega Ambiente Verbano
CIBERNETICA SOCIALE
Movimento Cunegonda Italia
Lega Ambiente







63 anni dall'assedio di Stalingrado di Ugo Montecchi
1.02.2008
Carissimi e carissime,
                                 in questi giorni corre l'anniversario della battaglia di  STALINGRADO : 63 anni or sono " la svolta" della 2° Guerra Mondiale.
                                 Teniamo ben a mente le  varie fasi della 2°Guerra Mondiale : la fine del 1942 ed i primi mesi del 1943  sono molto distanti dallo sbarco  U.S.A. in Normandia.
                                L'epica  e sanguinosissima battaglia , durata ben 5 mesi , iniziò nel Settembre 1942 e si concluse  il 2 Febbraio 1943 con la resa  (congiuntamente a tutto lo stato Maggiore del fronte sud tedesco ) firmata dal Generale Von Paulus comandante della 6° Armata Germanica forte di 330.000 soldati .
                       I dirigenti dell'Armata Rossa  protagonisti di questa vittoria sono  stati :
        a)  Generale Tschuikow .Comandante in  Capo della 62° Armata  di fucilieri (" il difensore di  Stalingrado" ).
        b)  Nikita Krusciov ,  rappresentante del Partito bolscevico ( Consiglio di Guerra ) " Gruppo Stalingrado".
        c)  Generale Wassiljeski , Capo dello Stato Maggiore sovietico.
        d)  Generale Rokossowski,Comandante in Capo del fronte del  Don.
                              
                            Tutti noi democratici ed anti-fascisti italiani ,ed in primis gli storici, non potremo mai denigrare e/o dimenticare le gesta dell'Armata Rossa ed i sacrifici del popolo "sovietico" che, con  più di 20 milioni di vittime ( militari e civili) , seppe difendere i valori culturali, sociali e morali dell'Europa : in sintesi bloccare la barbarie nazi-fascista contro la Civiltà .
 
    Cordialità da Ugo Montecchi già dirigente della FIOM-CGIL e della Camera del Lavoro di Genova.

Terza pagina
9.12.2010
ZEUS News 9 Dicembre 2010
28.10.2010
ZEUS News numero 1592
7.10.2010
ZEUS News 7 Ottobre 2010
29.09.2010
ZEUS News, numero 1571
25.09.2010
ZEUS News, 25 Settembre 2010
14.09.2010
ZEUS News,numero 1562
8.09.2010
ZEUS News,numero 1557
19.08.2010
ZEUS News numero 1546
15.08.2010
ZEUS News,numero 1544
9.08.2010
ZEUS News,9 Agosto 2010

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicità | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti