Welfare Italia :: Forum Invia ad un amico Statistiche FAQ
20 Novembre 2019 Mer                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links
Anne Frank
Wayaka Indian friend's
Lisa 6-1-77
Flash Vela d'Altura: diporto sostenibile e vela responsabile
Radio Uno Toronto Canada
La gemma dell'architettura cremonese
PdCI Sardegna
Resistenza in Toscana
Emigrazione Notizie
AGNESE cantautrice per la Pace







Forum :: La vetrina di Penna d' Oca :: E' meglio essere precisi :: L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
Autore L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
Redazione1
6.12.2009 23:10
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario

A volte mi chiedo perché in Italia, come altrove, la cosiddetta
"meritocrazia" venga invocata solo nei riguardi dei lavoratori subordinati,
che sono sempre più soggetti e vincolati a parametri di efficienza
produttiva, evidentemente per costringerli a farsi sfruttare in modo
crescente, mentre tali principi meritocratici non valgono e non sono
applicati nei confronti dei livelli padronali, ossia i megadirigenti e i
supermanager che percepiscono compensi abnormi a prescindere dal rendimento
e dai risultati ottenuti. Si pensi, ad esempio, al caso dei quadri dirigenti
responsabili del fallimento dell'Alitalia o ad altri scandali e bancarotte
indubbiamente eclatanti nella recente storia nazionale.

E' evidente che un sistema economico sociale che pretenda di essere
meritocratico, solo a chiacchiere, non potrebbe conciliarsi con la realtà di
un paese clamorosamente ingiusto e sperequato, eccezionalmente sprecone,
corrotto e mafioso come l'Italia.

Il nostro Paese si regge su un assetto economico privo di ogni criterio di
giustizia sociale e materiale, di democrazia economica e di equa
redistribuzione del reddito nazionale, è uno Stato in cui si evidenziano
comportamenti furbeschi, spregevoli e cialtroneschi, in cui si registra il
primato mondiale dell'evasione fiscale, in cui si pretende di imporre ai
lavoratori, già fortemente precarizzati e sottosalariati, uno standard di
meritocrazia e di efficienza produttiva in senso unilaterale, rischia di
degenerare in modo ineluttabile, causando drammatiche iniquità,
divaricazioni crescenti e sperequazioni assolutamente inaccettabili,
scatenando dunque contraddizioni sociali esplosive. A maggior ragione in una
fase storica contrassegnata da una gravissima recessione economica come
quella attuale, una crisi di sistema che è di natura strutturale ed è estesa
su scala globale.

Pensare (ingenuamente) di introdurre una concezione meritocratica in Italia,
come altrove, equivale a compiere una vera rivoluzione sociale e materiale,
etica e culturale.

Per adottare un regime di autentica meritocrazia, credo che occorra
promuovere una profonda trasformazione, in senso egualitario, della
struttura economico-sociale e della mentalità comune, attuando un
cambiamento epocale sul piano politico e culturale.

In altri termini, la vera meritocrazia è possibile e praticabile solo in una
società formata da lavoratori liberi ed uguali, in una società
autenticamente comunista: "una società dove ognuno produce secondo le sue
possibilità e riceve secondo i suoi bisogni". Questo è un modello di
società estremamente meritocratica, prima ancora che democratica.

Dunque, l'antitesi tra comunismo e meritocrazia è solo apparente. Con buona
pace (e scandalo) dei ciarlatani e dei farisei dell'ideologia
filo-capitalista: mi riferisco ai falsi liberisti, ai finti apologeti e
fautori del sistema meritocratico quali, ad esempio, Berlusconi, Tremonti,
Brunetta e i loro lacchè.

Lucio Garofalo
Terza pagina
9.12.2010
ZEUS News 9 Dicembre 2010
15.11.2010
Master di I livello in “Medicina naturale"
15.11.2010
Seconda edizione del concorso di fotografia
8.11.2010
A TAVOLA CON GLI ETRUSCHI
28.10.2010
ZEUS News numero 1592
21.10.2010
Terzigno, Alfano (IdV): “Escalation violenza è frutto ......
21.10.2010
RIFIUTI: DI LELLO, PSI: LA CARFAGNA SI RIVOLGA A CHI L'HA VISTO
19.10.2010
Giustizia, Alfano (IdV): "Lodo Alfano? Vince l'ipocrisia
19.10.2010
Vittorio Craxi: “L’Expo di Milano salvata in zona Cesarini”
18.10.2010
Sonia Alfano e Antonio Di Pietro il 28 ottobre a Giampilieri

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicità | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti