Welfare Italia :: Dal Mondo :: Bolivia si radicalizza la lotta per l'acqua Invia ad un amico Statistiche FAQ
2 Marzo 2021 Mar                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links







Bolivia si radicalizza la lotta per l'acqua
6.03.2005

Bolivia: si radicalizza lotta contro privatizzazione fonti idriche
La ‘Federación de Juntas Vecinales’ (Fejuve) di El Alto, località a pochi chilometri dalla capitale amministrativa La Paz, ha deciso di indurire lo sciopero generale per chiedere l’allontanamento dell’azienda straniera che gestisce il servizio dell’acqua potabile delle due città.

La ‘Federación de Juntas Vecinales’ ha deciso di intensificare il blocco delle strade che conducono alla popolosa città, sede del più importante mercato del Paese e del piccolo aeroporto internazionale che serve La Paz. Bloccare la circolazione di queste strade vuol dire separare la capitale amministrativa dalle regioni centrali e orientali del Paese, creando gravi problemi alla circolazione e all’economia.

I sindacati di El Alto vogliono che il governo rescinda unilateralmente il contratto con la società Aguas de Illimani, filiale della società francese Suez-Lyonnaise de Eaux, che gestisce l’acquedotto locale e che ha aumentato i prezzi dell’acqua potabile fino al 600% negli ultimi anni.

Il governo dopo lunghe trattative ha deciso di fare sue le istanze della popolazione e si è detto più volte intenzionato a risolvere il rapporto, ma non unilateralmente, poiché teme di essere trascinato in tribunale dalla Aguas de Illimani.

La situazione, di conseguenza, continua a rimanere immutata da mesi, con i sindacati e i contadini locali ormai sul piede di guerra, non avendo la maggior parte dei cittadini di La Paz ed El Alto la possibilità di far fronte a una bolletta dell’acqua sempre più salata (almeno coloro le cui case o i cui campi sono serviti dalle condutture che partono dall’acquedotto pubblico).


Terza pagina
10.08.2010
Darfur / Battaglie tra Jem ed esercito governativo
20.08.2009
Le ultime dal Monzanbico
19.08.2009
Comunicado Ass. Argentina Vientos del Sur
12.06.2009
Acqua per Dar Naim: contro le ingiustizie dell'acqua in Mauritan
1.02.2009
In Messico, sono in corso i Campionati Mondiali di parapendio.
23.01.2009
Iran, bene la candidatura di Khatami alle presidenziali
17.01.2009
PERCHÉ NON ABBIAMO VOTATO A FAVORE DELLA RISOLUZIONE SU GAZA
16.01.2009
Una lite annunziata (di Fernando Cancedda)
16.01.2009
Obama. la Bibbia e il cvaliere (di Antonio V. Gelormini)
26.12.2008
Lettera a Fereidoun Haghbin, Ambasciatore dell'Iran in Italia

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicità | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti