Welfare Italia :: Economia :: Fiera delle autoproduzioni: un’altra economia è possibile Invia ad un amico Statistiche FAQ
26 Maggio 2024 Dom                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links







Fiera delle autoproduzioni: un’altra economia è possibile
4.05.2008

Fiera delle autoproduzioni: un’altra economia è possibile L'evento si è tenuto presso Le Macerie- Baracche Ribelli in Via dei Lavoratori, nella Zona Industriale di Molfetta di Antonella Zezza

Anche quest’anno è stata realizzata la fiera delle autoproduzioni, progetto che da tempo viene portato avanti da chi quotidianamente si impegna per promuovere un’alternativa culturale ed economica.

La fiera delle autoproduzioni ribadisce l’intento di favorire un’economia basata essenzialmente sulle persone e sulle relazioni tra queste, partendo dallo sviluppo dell’economia locale.

Il circuito economico e culturale che si innesca sottolinea la reale alternativa che l’autoproduzione rappresenta. La relazione tra produttore e consumatore oltre a favorire maggiori garanzie sul prodotto acquistato favorisce anche la riduzione dello spreco energetico e dell’inquinamento, ottenendo un vantaggio sul prodotto in termini economici e qualitativi.

Ma ad autoprodursi non sono solo i produttori di beni fungibili, ma anche coloro i quali quotidianamente producono Cultura, funzione primaria del progetto economico alternativo.

Nella società in cui è l’economia a dettare le regole della politica, parlare di Cultura e di Scelte Culturali significa parlare di un valore per molti da tempo alienato.

Oggi più che mai la Cultura è il mezzo più potente di controllo della propria vita imbrigliata negli ingranaggi della produzione. Autoprodursi significa autodeterminarsi culturalmente, avere il coraggio delle proprie idee e metterle in pratica a partire dalle proprie scelte quotidiane.

Infatti con la fiera dell’autoproduzione è stato ribadito indirettamente e propositivamente il proprio No alla Società del Profitto spesso venduto in pacchetti di offerta elettorale.

L’evento tenutosi presso Le Macerie- Baracche Ribelli (site in Via dei Lavoratori, Zona Industriale di Molfetta) è stato il frutto di una grande collaborazione associazionistica. L’allestimento e la promozione dell’iniziativa è stata a cura delle Macerie, dell’associazione Arci il Cavallo di Troia , del G.A.S. Nestor Machno e dell’associazione Linea 5.

Inoltre, l’aver realizzato l’iniziativa il 1° maggio, giorno della festa del lavoro, parte dalla consapevolezza che non esiste solo il lavoro salariato capace unicamente di generare disuguaglianza, imbarbarimento e morte, ma esistono una miriade di altre realtà capaci di produrre e pensare in armonia con se stessi, con gli altri e con la natura.

Tali concetti sono stati ribaditi dalle performances teatrali susseguitesi a partire dalle 18.30. Francesco Tammacco (attore) e Federico Ancona (musicista) hanno presentato Abulivia, canto di un pensiero non potato, Giulio Bufo ha presentato la Ballata 990 e Ninnì Vernola la performance La vita..mistero prezioso.

Ma non solo teatro, bensì anche musica dal vivo e proiezioni cinematografiche si sono susseguite dalle 10.00 a notte inoltrata. Numerosissime sono state le videoproiezioni relative alla controinformazione, al boicottaggio di multinazionali, al consumo critico, ai modelli economici e all’antipschiatria.

Interessantissima anche la rassegna di corti nostrani , ovvero cortometraggi e videoclip di autori molfettesi che hanno ribadito quanto sia possibile usufruire di produzioni di qualità senza doversi necessariamente recare presso le multisale ("fabbriche" di cultura).

All’esterno, invece, l’esposizione permanente di bancarelle di cartapesta, sapone e candele artigianali, writing art, bancarelle di baratto di oggetti, ha favorito a chiunque l’approccio con la singola realtà produttiva.

L’evento ha riscosso un grande successo, sottolineando che le idee possono non rimanere solo parole, ma tradursi in fatti e scelte quotidiane tangibili e influenti.

http://molfettalive.it

Welfare Italia
Hits: 1806
Economia >>
I commenti degli utenti (Solo gli iscritti possono inserire commenti)
Terza pagina

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicit | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti