Welfare Italia :: Giovani :: DOVE LA BATTAGLIA INFURIA di Vincenzo Andraous Invia ad un amico Statistiche FAQ
25 Settembre 2020 Ven                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links







DOVE LA BATTAGLIA INFURIA di Vincenzo Andraous
20.12.2010

DOVE LA BATTAGLIA INFURIA di Vincenzo Andraous
“Mi faccio qualche canna, cosa vuoi che sia, tanto lo fanno tutti, mica mi faccio di coca”.
Questa la lezione che siamo stati bravi a imparare, i mezzi di informazione divulgano dati e percentuali denudati dei segnali di allarme, la vulgata afferra a due mani il rischio per farne bandiera.
Tutto ciò accade nell’indifferenza del mondo adulto che dovrebbe essere protagonista del cambiamento su questo ring di colpi proibiti, invece risulta uno sparring patner di basso profilo, che soccombe agli studi di parte, alle ricerche smozzicate, alle adunate in onore degli innumerevoli Peter Pan.
Droga che non fa passi indietro, non fa sconti a nessuno, non risparmia occhi innocenti né lupi dal pelo folto.
Droga di ogni tipo, di ogni forma, per addomesticare la volontà, droga che fa male, tutta, senza eccezioni, e ancora meno accezioni da inventare a misura per meglio logorare resistenze, dubbi e perplessità.
Lo scontro è ideologico, politico, di facciata, come fosse un problema che è possibile dilatare, rallentare, postdatare a piacimento, è droga che non concede metri al caso, all’accidente dietro l’angolo, è droga che ti mette sotto, e spesso non ti fa rialzare.
A scuola, al pub, in discoteca, non c’è possibilità di sbagliare, di essere fraintesi, di non capire quanto è corposa la richiesta di “roba”, mischiata a un bel po’ di alcol, somiglia alla consumazione di un prodotto affettivo, qualcosa che è divenuto importante compagno di viaggio senza la cui presenza viene meno ogni entusiasmo.
E’ droga da “calare” senza badare alla legalità sbeffeggiata, alla salute che quando c’è, è inscalfibile, alla vita scolata tutta in un bicchiere, è droga che non porta mediazione.
I ragazzi non hanno paura delle parole, delle minacce, delle prediche di alto bordo, perché percepiscono la prostituzione fraudolenta di un certo mondo adulto, timoroso al punto da risultare incapace di incidere, di fare la cosa giusta, capace di un intervento autorevole, rigoroso, non più rinviabile
La droga c’è, aumenta il suo consumo, ma se ne parla sempre meno, di mafie dislocate qua e là un po’ di più, se ne discute, se ne prende atto, si circoscrivono le alleanze, le misure, le quantità, il malaffare, eppure la “roba” circola, incrocia le menti, trasforma nuove identità, falsifica passaporti per un ipotetico mondo dall’altra parte della strada, e attraversare al buio diventa la regola per non avere più paura di vivere.
Droga che non conosciamo, ma tutto si svolge alla luce del sole, si vende e si compra a ogni angolo di città, di periferia, nell’indifferenza a vedere oltre la solita tv extraterreste, eppure genitori, adulti, educatori, sanno bene quanto la droga sia la più grande delle bugie, e non sia più rinviabile l’onere del proprio ruolo di tutore del bene, per affrontare a viso aperto la difficoltà a dare e fare rispettare alcune regole, non tante e incomprensibili, ma poche, chiare e dirette, vere e proprie salvavita.
Forse è il caso di affidare meno denari alla cartellonistica che non arriva al cuore del problema, tanto meno al cuore dei ragazzi in preda al panico.
Forse è necessario recarsi dove infuria la battaglia, dove gli occhi ridono intontiti, le gambe barcollano e le mani tremano, forse è il momento di incontrare davvero chi è in difficoltà, e incontrarlo significa faticare, impegnarsi, soprattutto conquistare-custodire amore per la giustizia, unica possibile solidarietà per ogni persona.
Vincenzo Andraous

Welfare Italia
Hits: 1414
Giovani >>
I commenti degli utenti (Solo gli iscritti possono inserire commenti)
Terza pagina

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicità | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti