Welfare Italia :: Politica :: Terzigno, Alfano (IdV): “Escalation violenza è frutto ...... Invia ad un amico Statistiche FAQ
21 Ottobre 2019 Lun                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links
Mondo Nuovo







Terzigno, Alfano (IdV): “Escalation violenza è frutto ......
21.10.2010

Terzigno, Alfano (IdV): “Escalation violenza è frutto di irresponsabilità del governo”
Palermo, 21 Ott. - “Quello che sta succedendo a Terzigno è certamente dovuto all’irresponsabilità di un governo che non solo non da risposte o le da con prepotenza e
menefreghismo, ma usa metodi a dir poco squadristi per reprimere qualunque forma di dissenso. E’ così che nasce questa inesorabile escalation di violenza”.
Lo ha detto Sonia Alfano, europarlamentare di Italia dei Valori, commentando i fatti di Terzigno, dove gli abitanti protestano per l’imminente apertura di altre discariche e dove da ore vige uno stato di guerriglia.
“Mi lasciano perplessa anche le parole del capo della polizia Antonio Manganelli -prosegue Alfano- che ha dichiarato che siccome a Terzigno si deve sversare, faranno in modo che questo sia possibile anche se dovesse costare l'uso della forza. E se davanti alla polizia ci fossero famiglie e nonne con i nipotini che vogliono solo proteggere il loro territorio dalla politica del centrodestra campano - si chiede l’europarlamentare - massacreranno di manganellate anche loro in stile G8 di Genova? Forse è il caso di capire che se i cittadini sono giunti ad un tale livello di esasperazione - sottolinea - ci sono dei motivi e vanno affrontati con criterio e non con manganelli e fumogeni”.
"Dato che il Premier, quando gli è stato detto di andarsene a casa ha risposto che non sapeva dove andare poiché possiede troppe ville - conclude l'europarlamentare- perché non sceglie quella con il giardino più ampio e fa sversare li i rifiuti?".


Terza pagina
21.10.2010
Terzigno, Alfano (IdV): “Escalation violenza è frutto ......
19.10.2010
Vittorio Craxi: “L’Expo di Milano salvata in zona Cesarini”
19.10.2010
Giustizia, Alfano (IdV): "Lodo Alfano? Vince l'ipocrisia
18.10.2010
Sonia Alfano e Antonio Di Pietro il 28 ottobre a Giampilieri
11.10.2010
Afghanistan, Alfano (IdV), Parole zio vittima non sono rabbia ..
29.08.2010
Antonio Di Pietro : Due Paesi agli antipodi
17.08.2010
A Palermo precari fanno sciopero della fame
17.08.2010
Antonio Di Pietro : Non e' il Paese dei balocchi
13.08.2010
Nuove idee per il PD
11.08.2010
Antonio Di Pietro : E' il momento di voltare pagina

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicità | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti