Welfare Italia :: Politica :: A Palermo precari fanno sciopero della fame Invia ad un amico Statistiche FAQ
17 Aprile 2021 Sab                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links
Mondo Nuovo







A Palermo precari fanno sciopero della fame
17.08.2010
Alfano (IdV): Mentre politicanti si godono vacanza, a Palermo precari fanno sciopero della fame
Palermo, 17 Ago. "Tremonti mandante, Mariastella Gelmini esecutrice materiale. Dell'uccisione della scuola pubblica e delle speranze di migliaia di precari che in questi anni hanno portato avanti il loro lavoro con sacrificio e dedizione".
E' quanto afferma Sonia Alfano (IdV), in merito alla condizione della scuola pubblica, mentre a Palermo un insegnante e un collaboratore scolastico hanno cominciato lo sciopero della fame nella speranza di ottenere un incontro per salvaguardare il diritto al lavoro e alla dignità dei precari.
"Mentre i politicanti si godono le vacanze con i loro mega yacht i precari, nell'indifferenza generale, muoiono di fame anche senza necessità di fare lo sciopero. Qualsiasi cosa succeda a chi in questo momento sta facendo lo sciopero della fame -sottolinea Alfano- sappiano Tremonti, Gelmini e chi come loro sta portando il Paese al dissesto, che li riterremo direttamente responsabili".
"Vorrei sapere perchè i cittadini italiani devono spendere centinaia di migliaia di euro per pagare le scorte a personaggi quali Emilio Fede e Bruno Vespa. Vorrei altresì sapere se è vero che la marina militare sta scortando il Presidente del Senato Schifani mentre si trova in vacanza alle isole Eolie. E se è vero, vorrei sapere -prosegue- che necessità c'è di un tale dispiegamento di uomini. La mafia ha forse minacciato Schifani? Eppure a me risulta che fosse in ottimi rapporti con il boss Mandalà di Villabate. La verità è che questi signori -conclude Sonia Alfano- hanno paura dei cittadini, che sono troppo stanchi di ingoiare veleno a causa loro".
Sonia Alfano (IdV): Dalì e' aspirante dittatorello del partito dell'illegalità, spero Litfiba tornino presto
Palermo, 17 Ago. "L'aspirante dittatorello Dalì, seguace di Micciche' e Dell'Utri che oggi pare convinto di poter decidere chi ha diritto ad eseguire concerti in Sicilia e chi no, non e' nuovo a certi atteggiamenti".
Lo ha detto Sonia Alfano, responsabile antimafia di IdV e Presidente dell'Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia, commentando le dichiarazioni di Eusebio Dalì, assessore provinciale del Pdl, dopo le accuse di collusione mafiosa che i Litfiba hanno rivolto a Berlusconi e Dell'Utri durante un concerto tenuto in provincia di Palermo. Dalì ha chiesto a tutti i sindaci siciliani di non accogliere più il gruppo rock.
"In occasione della condanna d'appello a Dell'Utri, quando i giovani del suo partito hanno chiesto di allontanare i pregiudicati -sottolinea Sonia Alfano- Dalì li ha attaccati intimando di chiedere scusa al senatore condannato per reati di mafia, confermando per l'ennesima volta l'incurabile allergia del Pdl alla legalità".
"Se c'è qualcuno che deve chiedere scusa ai siciliani non sono certo i Litfiba -aggiunge Alfano- ma tutti i politici corrotti e collusi con la mafia che giorno dopo giorno fanno sprofondare la nostra regione nella povertà e nel disagio sociale. I Litfiba vanno solo ammirati e ringraziati per aver avuto il coraggio di dire la verità. Piero Pelù lo aveva già fatto insieme a Ligabue e Jovanotti quando composero la canzone 'Il mio nome è mai più', ma non avendo fatto nomi si era risparmiato le aggressioni verbali dei potentati di turno. Mi auguro piuttosto che i Litfiba tornino presto in Sicilia, e che altri artisti, prendendo esempio da loro -conclude- trovino la forza di andare contro il sistema".
Terza pagina
21.10.2010
Terzigno, Alfano (IdV): “Escalation violenza è frutto ......
19.10.2010
Vittorio Craxi: “L’Expo di Milano salvata in zona Cesarini”
19.10.2010
Giustizia, Alfano (IdV): "Lodo Alfano? Vince l'ipocrisia
18.10.2010
Sonia Alfano e Antonio Di Pietro il 28 ottobre a Giampilieri
11.10.2010
Afghanistan, Alfano (IdV), Parole zio vittima non sono rabbia ..
29.08.2010
Antonio Di Pietro : Due Paesi agli antipodi
17.08.2010
A Palermo precari fanno sciopero della fame
17.08.2010
Antonio Di Pietro : Non e' il Paese dei balocchi
13.08.2010
Nuove idee per il PD
11.08.2010
Antonio Di Pietro : E' il momento di voltare pagina

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicità | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti