Welfare Italia :: Dall'Europa :: Chi si è accorto che siamo in Europa? Invia ad un amico Statistiche FAQ
21 Gennaio 2021 Gio                 WelfareItalia: Punto laico di informazione e di impegno sociale
Cerca in W.I Foto Gallery Links Documenti Forum Iscritti Online
www.welfareeuropa.it www.welfarecremona.it www.welfarelombardia.it www.welfarenetwork.it

Welfare Italia
Home Page
Notizie
Brevi
Il punto
Lettere a Welfare
Cronaca
Politica
Dal Mondo
Dalle Regioni
Dall'Europa
Economia
Giovani
Lavoro
Cultura
Sociale
Ambiente
Welfare
Indian Time
Buone notizie
Radio Londra
Volontariato
Dai Partiti
Dal Parlamento Europeo
Area Iscritti
Username:
Password:
Ricordami!
Recupero password
Registrazione nuovo utente
Brevi

 Foto Gallery
Ultima immagine dal Foto Gallery di Welfare Italia

Ultimi Links
Telefono Blu
Aiuto bambini
Sinistra Giovanile
Sinistra Ecologista







Chi si è accorto che siamo in Europa?
7.11.2007

“Chi si è accorto che siamo in Europa?” L'Europa, ed in particolare il Parlamento europeo, sono considerate poco o nulla dall’opinione pubblica e dai media italiani, un ente inutile, una sorta di cimitero degli elefanti. Non se ne parla, o se ne parla a sproposito confondendo la Commissione Europea con le Commissioni parlamentari, o il potere del Consiglio con quello del Parlamento.
Risultato: un eurodeputato passa diversi giorni della settimana a discutere di accordi di partenariato economico, mercato del lavoro, brevetti intellettuali, entrata di nuovi Paesi nell’Unione…Ma quando torni a casa c'è sempre un giornalista che ti chiede cosa ne pensi del paragrafo 125 della finanziaria o del possibile ruolo di Veronica Lario nel Pd.
Lasciamo perdere la frustrazione individuale, il punto è un altro: il ruolo dell'UE è sottovalutato. Ma il 70 per cento delle leggi italiane derivano direttamente da direttive europee, anche se il periodo che trascorre tra l'approvazione in Europa e la trasposizione delle normative nelle leggi italiane può durare alcuni anni.
Questo riguarda ogni settore della vita pubblica: a cominciare dagli ultimi fatti di cronaca.
Prodi attribuisce ai prefetti la possibilità di espellere cittadini comunitari. Peccato che esista una direttiva europea, la n.38/2004, su «Il diritto dei cittadini e delle famiglie residenti nell'Unione Europea di circolare nell'UE» che tratta anche il tema dell'allontanamento dei cittadini comunitari ed è stata recepita dal governo italiano già nel febbraio del 2007 con il decreto legislativo n.30 che, in linea con quanto previsto a Bruxelles, attribuiva il potere di allontanamento unicamente al ministro degli Interni e solo per casi gravi e urgenti.
Ancora, pensiamo al vergognoso rogo del campo rom a Opera: pochi ricordarono che l'Italia è sotto procedura d'infrazione per non aver pienamente recepito la direttiva n.43 del 2000 contro le discriminazioni etniche e razziali, che comprende strumenti utili per favorire l'integrazione delle comunità rom.
Quando si accende la polemica sulla proposta del Comune di Torino di aprire una narcosala, pochi guardano alle esperienze analoghe attive da anni in Europa, né tanto meno alla risoluzione dell’Europarlamento che prevede esplicitamente le strategie di riduzione del danno come politica pubblica contro le droghe.
L'Europa, insomma, interviene e legifera a 360 gradi: dalla direttiva Bolkestein relativa ai servizi nel mercato interno europeo, a quella sui servizi sanitari; dal regolamento Reach sulle sostanze chimiche alla flexsecurity che propone il modello danese di flessibilità e “liberalizzazione” dei licenziamenti, a fronte di maggiori ammortizzatori sociali (per ora inesistenti in Italia e in tanti altri Paesi dell'Unione).
Scelte che dal 2009, quando al Parlamento Europeo saranno conferiti maggiori poteri, incideranno ancora di più sulle politiche nazionali.
Sempre che in Italia qualcuno, prima o poi, se ne renda conto.

di Vittorio Agnoletto


Terza pagina
20.04.2010
Crisi del sistema Federale Europeo: convegno
13.12.2009
SPAGNA - Modifiche alla Costituzione: auspicate dagli spagnoli
8.11.2009
A 20 anni dalla caduta dei regimi in Europa centrale e orientale
2.12.2007
Note sul Partito Comunista della Federazione Russa
7.11.2007
Chi si è accorto che siamo in Europa?
19.05.2007
LA ‘ROPTURE’ DI SARKOZY di A.V.Gelormini
28.10.2006
Lifelong learning
27.07.2006
L'Europa vuole più test sugli animali
10.09.2005
Belgio: rimborso alle famiglie per il caro greggio
30.05.2005
Le parole delle relazioni internazionali

Sondaggi
E' giusto che Bersani si accordi con Berlusconi per le rifome ?

Si
No
Non so
Ultime dal Forum
La voce del padrone di Lucio Garofalo
Salotti culturali dell'Estate bolognese
Pippo Fallica querelo' Corriere della Sera e La Sicilia?
NO LEADER, NO PARTY di Luigi Boschi
UN PARTITO LENINISTA (LEGA) CHE SPOSA IL VATICANO di A.De Porti
POESIA DI VITA di Luigi Boschi
La vita spericolata del premier di Silvia Terribili
Romea Commerciale di Orlando Masiero
Sondaggio, 15mila i voti finora espressi
Buon che? di Danilo D'Antonio
L'Italia è una Repubblica "antimeritocratica" fondata sul lavoro precario
LA PROTESTA DEI SANGUINARI di Luigi Boschi
L'AQUILONE STRAPPATO di Antonio V. Gelormini
Il reality scolastico su "Rai Educational"
Vuoto indietro diventa proposta di legge,





| Redazione | Contatti | Bannerkit | Pubblicità | Disclaimer |
www.welfareitalia.it , quotidiano gratuito on line, è iscritto nel registro della stampa periodica del Tribunale di Cremona al n. 393 del 24.9.2003- direttore responsabile Gian Carlo Storti